I Musei Civici hanno partecipato al programma di Cagliari Capitale Italiana della Cultura con un ricco programma di esposizioni nelle sedi di Palazzo di Città, Galleria Comunale d'Arte e SeArch: dal progetto "Sotto il segno del contemporaneo" dedicato al periodo d'oro dell'arte contemporanea a Cagliari, al "Di/Segno del Cinema" che ha trasformato Castello in un set a cielo aperto.

Il tutto accompagnato da proiezioni sulle facciate degli edifici storici che delimitano Piazza Palazzo, da incontri e laboratori con i registi e da una rassegna cinematografica in cui gli autori hanno presentato alcune delle loro opere ai Giardini Pubblici. Altro importante appuntamento l'esposizione che ha siglato l'importante collaborazione con il Museo Ermitage di San Pietroburgo: un'occasione per riflettere sulle relazioni e sui ponti che hanno legato e legano le civiltà dal Caucaso al Mediterraneo.

Gli eventi di "Le grandi mostre"

Progetti

EURASIA, fino alle soglie della storia

Capolavori dal Museo Ermitage e dai Musei della Sardegna.

Mostra a cura di Marco Edoardo Minoja, Anna Maria Montaldo, Yuri Piotrovky

Il di/segno del cinema

Set a cielo aperto e luogo di ispirazione per alcuni dei grandi autori di cinema degli anni Sessanta e Settanta, la Sardegna ritorna a proporsi come scenario per produzioni di livello internazionale. Da qui l'idea di dedicare un grande appuntamento al cinema, al rapporto con linguaggi dell'arte visiva e anche alle possibili relazioni con lo spazio urbano, trasformato in uno schermo sfaccettato e multiforme.

SA GHERRA 1915/1918. Memoria della Grande Guerra
Sa gherra 1915/1918. Memoria della Grande Guerra

Con l’ingresso dell’Italia in guerra, nel 1915, tanti giovani Sardi lasciarono le proprie case, forse per la prima volta, per essere gettati nelle trincee friulane e trentine; alcuni di essi non tornarono più.

Lettere, diari, fotografie, cartoline, telegrammi, mostrine e medaglie, sono gli oggetti che raccontano, a distanza di tanto tempo, quella Storia e le tante storie di coloro che furono i protagonisti di tale evento epocale.

Sotto il segno del contemporaneo
Sotto il segno del contemporaneo

Poco dopo la metà degli anni Settanta, Cagliari inaugurava, alla Galleria Comunale d’Arte, la Collezione d’Arte Contemporanea, frutto dell’ambizioso progetto dell’allora direttore Ugo Ugo, che intendeva testimoniare nelle raccolte civiche i più significativi indirizzi della ricerca artistica contemporanea, nazionale e internazionale.

Condividi