Cagliari suona

Il 21 Giugno la città, in occasione della Festa Europea della Musica, si è trasformata in un palcoscenico a cielo aperto: 150 musicisti, più di 40 luoghi, 28 tra associazioni, enti e locali coinvolti per una festa per tutti e di tutti. Da allora Cagliari suona e ha invaso le piazze e le strade, entrando nelle case private, salendo sui tetti e (ri)aprendo luoghi e spazi...

Cagliari suona e ha suonato ovunque grazie a una scena artistica vivace e variegata capace di cucire luoghi ed esperienze e di restituirci una inedita partitura.

Arte pubblica a misura di bambino

All'interno del progetto di Cagliari capitale italiana della cultura 2015 ci sono dei percorsi disegnati “a misura di bambino” per coinvolgere anche le giovani generazioni nella progettazione partecipata della città.

Space is the Place - Arte pubblica

Ispirato allo storico album del musicista Sun Ra, Space is the place è il titolo della rassegna di progetti di arte pubblica che ha coinvolto Cagliari per tutto il 2015. A legare i tanti percorsi la volontà di contribuire alla ri-scrittura partecipata e corale degli spazi urbani che diventano così contesti da abitare e di cui fare esperienza.

Le Grandi Mostre

I Musei Civici hanno partecipato al programma di Cagliari Capitale Italiana della Cultura con un ricco programma di esposizioni nelle sedi di Palazzo di Città, Galleria Comunale d'Arte e SeArch: dal progetto "Sotto il segno del contemporaneo" dedicato al periodo d'oro dell'arte contemporanea a Cagliari, al "Di/Segno del Cinema" che ha trasformato Castello in un set a cielo aperto.

I progetti in rete

Il titolo di Capitale italiana della cultura ha premiato il lavoro corale avviato durante la candidatura Cagliari-Sardegna2019. Una candidatura che è stata una piattaforma di partecipazione, condivisione e coinvolgimento attivo di centinaia di voci: cittadini, artisti, creativi, professionisti, volontari, associazioni…In tanti hanno creduto che il cambiamento fosse possibile e in tanti hanno contribuito a generarlo.

Cagliari incontra

Durante la candidatura, abbiamo avviato un percorso formativo finalizzato alla crescita delle competenze gestionali, curatoriali e artistiche e alla creazione di reti tra scena locale e dimensione internazionale. Il progetto ha generato una piattaforma di scambio e confronto con le buone pratiche europee attraverso strumenti tipici della dimensione della rete.